Home
 

Comunicato stampa
16-02-2012
«Spenti» ad Arco il castello e a Riva del Garda il Bastione e la relativa passeggiata, l'esterno della Rocca, le fontane e le passeggiate Belvedere e via Cis; abbassata l'intensità dell'illuminazione pubblica ad Arco e ritardata alle 22 l'accensione di quella del centro di Riva del Garda; ancora, ad Arco un'ora di «no copy» (dalle 8.30 alle 9.30 in municipio spente fotocopiatrici e stampanti, salvo necessità degli utenti) e per chi si reca nella biblioteca civica «Bruno Emmert» un kit di risparmio energetico in omaggio; mentre a Riva del Garda la proposta è una serata di «attrazioni lunari» a lume di candela nel sottotetto della Rocca (inizio alle ore 18, ingresso libero, si consiglia di munirsi di una torcia a basso consumo) con rinfresco bio a cura del G.A.S. (Gruppo Acquisto Solidale) di Bolognano, il quale fornisce informazioni in tema di spreco alimentare e di acquisti a chilometri zero. É così che venerdì 17 febbraio i Comuni di Arco e di Riva del Garda aderiscono a «M'illumino di meno», l'iniziativa promossa a livello internazionale dalla trasmissione «Caterpillar» di Rai Radio Due per sensibilizzare enti pubblici, aziende, negozi e cittadini sui temi del risparmio energetico, contribuendo ad un doveroso cambio di passo culturale.
Comunicato stampa
09-02-2012
Si è svolta venerdì 3 febbraio l’inaugurazione della mostra «Composizioni astratte» di Roberto Floreani che dopo la partecipazione alla Biennale Internazionale di Venezia nel 2009 e la mostra personale al MAGA di Gallarate del 2010 espone al Museo Alto Garda, nella sede di Palazzo dei Panni, seicentesco edificio nel cuore di Arco. Fino al 10 giugno 2012 la mostra raccoglie in un suggestivo percorso espositivo una trentina di opere di grandi dimensioni che tratteggiano la ricerca dell'artista a partire dalla fine degli anni Novanta. Considerato uno degli artisti di riferimento della sua generazione, Roberto Floreani (nato nel 1956 a Venezia) utilizza un linguaggio espressivo che combina progettualità e originalità descritte nelle forme di sagome geometriche che si intrecciano e si allargano sulle superfici materiche. Promossa dal MAG e a cura di Giovanna Nicoletti, la mostra è ad ingresso libero con orario 10 – 18 (chiuso lunedì).
Le vedute fotografiche dei Lotze 1860-1880
Comunicato stampa
27-01-2012
I Lotze: le loro immagini all'albumina hanno contribuito a diffondere nel Continente il mito del Grande Lago Blu, il Garda. Dal 30 marzo al 10 giugno 2012, il MAG Museo Alto Garda propone una ampia retrospettiva delle loro mitiche fotografie. 120 stampe vintage, di cui un buon numero inedite, tutte della dinastia italo-tedesca dei Lotze.
Ad ospitare la grande esposizione è la Fortezza Asburgica che affonda le proprie fondamenta entro le acque del Lago, a Riva del Garda. La mostra è promossa dal MAG e curata da Alberto Prandi.
Comunicato stampa
17-01-2012
Dopo la partecipazione alla Biennale Internazionale di Venezia nel 2009 e la mostra personale al MAGA di Gallarate del 2010, Roberto Floreani espone a Palazzo dei Panni, seicentesco edificio nel cuore di Arco, sede della Galleria Civica G. Segantini.
Comunicato stampa
20-12-2011
S'inaugura mercoledì 21 dicembre a Casa Collini ad Arco (accanto a Palazzo dei Panni) l'esposizione degli elaborati che i bambini delle scuole dell'infanzia di Bolognano e di via Capitelli di Arco hanno realizzato nell'àmbito di una delle proposte più innovative e apprezzate dell'attività didattica del Museo Alto Garda: le «Mostre in gioco». Ovvero, imparare osservando, conoscendo e riproducendo l'arte contemporanea. In questo caso i bambini hanno lavorato «Sulle tracce di Pietrella», ovvero partendo dalla mostra «Der Spaziergang» allestita nella Galleria civica «Segantini». L'inaugurazione inizia alle ore 16, sono presenti tra gli altri gli assessori alla cultura di Arco Massimiliano Floriani e di Riva del Garda Maria Flavia Brunelli.
Comunicato stampa
01-12-2011
Quasi 240 classi per più di 4.500 bambini e ragazzi dell’intero Basso Sarca, dalle scuole materne alle superiori: per l’anno scolastico 2011-2012 le iscrizioni alle attività didattiche del Museo Alto Garda, grazie anche al successo dei nuovissimi laboratori artistici sul contemporaneo, registrano un incremento del 20 per cento, con addirittura il raddoppio dei partecipanti rispetto all’anno scolastico 2008-2009. E si conferma in costante crescita anche l’interesse per i «Percorsi su misura», iniziative di ricerca e approfondimento che stanno consolidando una stretta collaborazione con il mondo della scuola, sempre più punti fermi nella programmazione didattica delle scuole.
Comunicato stampa
29-11-2011
Anche l'associazione culturale arcense «Il Sommolago» – dopo la «Riccardo Pinter» e la «Mnemoteca del Basso Sarca», apripista alla fine dello scorso giugno – ha firmato con il Museo Alto Garda l'accordo di programma con cui entra a far parte di una struttura che nel campo della ricerca e della produzione culturale realizza un'ampia sinergia del territorio, volta alla razionalizzazione delle risorse e alla valorizzazione del volontariato.
Comunicato stampa
23-11-2011
Venerdì 25 novembre in Rocca a Riva del Garda la rassegna «Echi d’Ottocento» propone la presentazione del volume con CD annesso dal titolo «Mazzini pensatore, umanista, musicista amatore», dal progetto di Fabio Renato d’Ettorre, con l'intervento dell'autore e di Franco Ballardini.
Comunicato stampa
15-11-2011
Una raccolta di testimonianze di persone ultraottantenni sui tempi dell'Unità, a cura della Mnemoteca dell'Alto Garda in collaborazione con il Museo Alto Garda; lo spettacolo teatrale «Con l’oceano in mezzo» della compagnia La corte dei miracoli» di Toscolano Maderno; e le storie d'emigrazione negli Stati Uniti d'America di un nuovo libro di Clara Pilotti Delaini e Angelisa Leonesio Zielo. Mercoledì 16 novembre al Casinò municipale di Arco la rassegna dell’editoria gardesana «Pagine del Garda» propone tre appuntamenti all'insegna della storia.
Fatti, figure e suoni di un secolo sul Garda
Comunicato stampa
09-11-2011
Un cartellone di iniziative che si caratterizza per la suggestione in grado di affascinare un ampio pubblico, unita ai modi della ricerca scientifica; un’immersione nell’attualità culturale dell’Ottocento che consente di riscoprire un secolo ricco e multiforme che diffusi preconcetti impediscono tuttora di apprezzare appieno; un progetto che inoltre riesce a mettere in dialogo istituzioni del territorio, con l'esito di coordinare forze e risorse, traducendole in risultati tangibili e duraturi, a tutto vantaggio della vita culturale della comunità.