Home
 
Segantini e Arco
MAG Arco, Galleria Civica G. Segantini
26.11.2016 ore 10:00 - 15.01.2017
A cura di Alessandra Tiddia, Mart
Segantini e Arco, allestimento, ph Pierluigi Faggion

In collaborazione con Mart Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Un rinnovato allestimento e un programma espositivo e di ricerca confluiscono nel progetto Segantini e Arco.
Dopo l'apertura nel 2012 ad Arco dello spazio permanente dedicato a Giovanni Segantini, il MAG ha avviato nel 2014 un progetto pluriennale dedicato all'artista, che si inserisce nell'ambito della stretta collaborazione, attuata nel 2013, fra il MAG e il Mart di Rovereto.
Con Segantini e Arco, il MAG intende contribuire a valorizzare la città di Arco come luogo segantiniano attraverso l'attività espositiva e di ricerca.


L'allestimento

La Galleria Civica G. Segantini si presenta con un allestimento integrato da una rilevante sezione interattiva, che pone la città natale dell’artista al centro di una rete di ricerca e relazioni con le principali istituzioni che conservano opere di Giovanni Segantini e con i suoi studiosi.
La Galleria, che si apre con un percorso espositivo ospitato nel seicentesco Palazzo Panni, riportato alla luce nella bellezza dell’architettura originale, intende posizionarsi come centro di ricerca entro una rete virtuale costituita dalle principali istituzioni che conservano opere di Segantini e dagli studiosi che si occupano dell’artista.

Il display espositivo si apre con la Segantini.map, una postazione interattiva che consente di interrogare tutte le collezioni pubbliche nel mondo che possiedono opere di Segantini, navigare nei siti di questi musei e visualizzare a pieno schermo i capolavori dell’artista ivi conservati.
Le Segantini.doc sono invece postazioni che utilizzano la tecnologia multitouch, per offrire strumenti e materiali che concorrono a ricostruire la vicenda artistica di Segantini inquadrandola nel contesto culturale contemporaneo all’artista.

Attorno alle postazioni interattive sono esposti dipinti, sculture e opere su carta relative a Segantini e agli artisti trentini suoi contemporanei, opere provenienti dalle collezioni del Mart, del MAG e della Provincia autonoma di Trento, qui uniti in un’azione di valorizzazione del grande artista nato ad Arco, ma soprattutto nell’impegno a sostanziare un progetto che riunisca in sé tutte le potenzialità di ricerca relative a fonti e documenti provenienti da archivi diversi, intorno ad una parola chiave: Segantini.


Segantini e i suoi contemporanei

Accanto ai documenti e alle immagini restituite grazie ai touch table, il percorso espositivo presenta dunque le opere di Segantini e dipinti, sculture e opere su carta di artisti trentini e non, suoi contemporanei, come Andrea Malfatti, Eugenio Prati, Vittore Grubicy, che fu il mentore di Segantini e di Prati.
Come Segantini, Prati e Malfatti furono chiamati a rappresentare la cultura figurativa del Trentino alle grandi esposizioni nazionali di Milano, Torino, Firenze e Roma (1883), e poi Venezia, dal 1887.
Le opere di questi autori offrono, insieme a quelle dei veneti Alessandro Milesi e Antonio Rotta, uno scorcio della produzione pittorica coeva a quella di Segantini. Ad esempio, Il ritratto di Andrea Malfatti (1874) di Eugenio Prati e l’Autoritratto all’età di vent’anni (1879) di Segantini mostrano lo stesso piglio romantico e un po' bohemien, condividono una freschezza espressiva, ligia al verismo accademico ma che allo stesso tempo è espressione di un carattere fiero, romantico, per quello sguardo tutto proiettato verso il futuro.
Segantini, Prati, Grubicy e Bezzi assegnano al paesaggio il ruolo di tramite espressivo di una liricità destinata a evolvere in direzione simbolista, come ne La Poesia della Montagna, dipinto da Prati nel 1903, quasi un omaggio al grande maestro, da poco scomparso (Segantini era morto nel 1899). Questi artisti condivisero, seppur con modalità differenti, la trasformazione del linguaggio figurativo ottocentesco dalle istanze realiste a quelle simboliste, per raggiungere quell’“arte dell’avvenire”, per usare le parole di Segantini, dove “il vero è dentro l’anima e fa parte dell’idea”.
Non a caso le sculture commemorative di Segantini, ad Arco come a Saint Moritz, furono affidate a Leonardo Bistolfi, il più grande scultore del Simbolismo italiano, qui rappresentato da una placca allegorica in bronzo (1906-07) e da un bozzetto in gesso de L’alpe (1908), il grande monumento a Segantini a Saint Moritz.


Le nuove sale espositive

A partire da sabato 26 novembre 2016 la Galleria Civica G. Segantini va ad arricchire i propri allestimenti con la proiezione della versione museale del docufilm Segantini, ritorno alla natura, creata appositamente per lo spazio e per il progetto espositivo e di ricerca Segantini e Arco.
Prodotto da Apnea Film, interpretato da Filippo Timi e diretto da Francesco Fei, con Gioconda Segantini, Annie-Paule Quinsac, Franco Marrocco, Romano Turrini, Segantini, ritorno alla natura è stato scritto a sei mani da Roberta Bonazza, Francesco Fei e Federica Masin. Preziose per lo sviluppo del progetto la collaborazione con Sky Arte HD, la co-produzione della Provincia autonoma di Trento, del Comune di Arco e il supporto della Fondazione Lombardia Film Commission.
La vita del pittore Giovanni Segantini, interpretato da Filippo Timi, è ricostruita nei luoghi che le fecero da sfondo e ispirazione, indagando sul senso che il luogo d’origine dell’artista ebbe in tutte le sue successive vicende artistiche e di vita. Segantini, ritorno alla natura narra la storia singolare e straordinaria di Giovanni Segantini, ponendo l'accento sul suo modo di sentire la natura come fonte d'ispirazione artistica e spirituale.

Nelle sale riservate alle mostre temporanee è esposta inoltre una serie di immagini fotografiche, riproduzioni fotomeccaniche e all’acquaforte delle opere di Giovanni Segantini, provenienti dalle collezioni del Mart e dagli archivi di Vittore Grubicy e Benvenuto Benvenuti, conservati presso l’Archivio del '900 del Mart.
Le riproduzioni delle opere segantiniane testimoniano la fortuna critica di Segantini: un percorso costruito “a tavolino” soprattutto dal gallerista e critico d'arte Vittore Grubicy e, dopo la sua morte, dai figli Mario e Gottardo, consapevoli dell’assoluta importanza della veicolazione delle immagini per la promozione di un artista.
Le riproduzioni fotografiche dei dipinti erano controllate con molta attenzione dallo stesso Segantini che ne verificava l’esatta gradazione delle luci preferendo quelle in bianco e nero, più fedeli ai valori dell’opera originale. Esse costituivano un vero e proprio repertorio di studi, come una sorta di laboratorio per il disegno: partendo dalle foto, Segantini riproduceva il soggetto per un disegno o lo rielaborava.
Le riproduzioni a colori erano pubblicate nelle monografie, nei cataloghi delle esposizioni, sulle riviste d’arte o vendute come tavole sciolte in fac-simile di piccolo, medio e grande formato, alimentando un mercato minore destinato a una fascia meno abbiente che, non potendo avere l’originale, desiderava possedere almeno l’immagine di un’opera di Segantini. Fra queste spiccano per qualità quelle realizzate dalla Bruckmann Verlag di Monaco di Baviera. Fondata nel 1858 da Friedrich Bruckmann, si era distinta da subito nell’ambito dell’editoria artistica, pubblicando tra le altre cose la rivista “Die Kunst für Alle” e stampando riproduzioni in grande formato delle opere di importanti artisti come Arnold Böcklin, Hans Thoma e Giovanni Segantini.