Home
 
Antonio Calderara e Carlo Vitale
MAG Riva del Garda, Museo
Fino al 6 gennaio 2009
1947 - 1959, uno sguardo sul Garda
Il Museo di Riva del Garda in collaborazione con l’Associazione ‘Amici dell’Arte’ rende omaggio a due interpreti significativi dell’arte italiana organizzando una mostra a cura di Fiorenzo Degasperi.
+

C. Vitale

L’iniziativa si propone come un appuntamento di approfondimento della storia dell’arte locale: Calderara e Vitale furono entrambi ospiti del ‘Gruppo Amici dell’Arte’ a Riva del Garda e della ‘Galleria Kaldor’ a Torbole, rivelandosi felici interpreti del paesaggio gardesano.

Al Museo di Riva l’associazione locale promosse dal 2 agosto al 30 settembre del 1952 la ‘Prima Mostra d’Arte Cambio Ospitalità’, che vide tra le presenti alcune opere di Calderara e Vitale, e dal 4 al 25 giugno del 1957 una rassegna dedicata esclusivamente ai due Artisti, già attivi al tempo alle Biennali di Venezia e nelle più note gallerie italiane. Antonio Calderara (1903 - 1978) fu presente inoltre alla ‘Galleria Kaldor’ con una personale dal 1 al 15 luglio del 1959, che colpì la critica del tempo per l’uso della luce che emergeva dalle sue opere quale elemento avvolgente e trasfigurante le immagini raffigurate e lo stesso lago di Garda.

Gli anni ’50 furono significativi nel percorso artistico dell’Autore perché segnarono anche il progressivo accostarsi alla pittura astratta, espressione artistica di cui divenne uno dei protagonisti a livello europeo. Carlo Vitale (1902 - 1996) fu ospite come Calderara della ‘Galleria Kaldor’ nel medesimo anno, dal 16 al 31 luglio, mentre diverse furono le esposizioni, sempre a cura del ‘Gruppo Amici dell’Arte’, che lo videro coinvolto nella ‘Galleria d’Arte la Rocca’ nell’ambito di mostre collettive nel 1960 e nel 1965, e nella più rappresentativa personale dell’agosto del 1964.