Home
 
Comunicato stampa
Vela: le sedute sonore nel parco della Rocca
13-07-2012
Lunedì 16 luglio nell’àmbito delle «Notti nei musei» si svolge nel parco della Rocca l’evento di installazione della seduta sonora «Vela», opera del designer rivano Marco Salvaterra: la serata si apre alle ore 20 con la proiezione del cortometraggio «Welcome home» di Paolo Alati e Marco Tursi, per proseguire con l’inaugurazione di Vela, di cui tre esemplari sono installati in via permanente nel parco, con discussione e approfondimento assieme all’autore; quindi al primo buio un’installazione luminosa fa da cornice all’esibizione di Carlo Cenini al pianoforte, con assaggi di contorno offerti a tutti i presenti. La proposta è a cura del Mag, il Museo Alto Garda; la partecipazione libera.
+

Il parco della Rocca

Vela è la seduta sonora ideata dal giovane designer rivano Marco Salvaterra partendo dalla riflessione sul ruolo del suono nell'ambiente e dall’intento di favorire una partecipazione nuova all'ambiente circostante, del quale suoni e i rumori sono parte integrante e qualificante, e realizzata grazie ad una nuova tecnologia di piegatura dell'alluminio sviluppata da Easycom.

Il progetto, sostenuto dal Comune di Riva del Garda, dalla Cassa Rurale Alto Garda e da Riva del Garda Fiere e Congressi, si basa essenzialmente su una particolare scocca in alluminio sfaccettato: «È come una selce primitiva, come una monolite – spiega Marco Salvaterra – pensato per aderire pienamente al contesto pur nella sua mole, e grazie alla particolare specchiatura delle superfici si smaterializza facendo posto al luogo che l'accoglie, diventando parte integrante e non aggiunta all'ambiente in cui risiede. La sua forma particolare, che le regala pienezza e potenza, vuole ricordare lo scoglio che si scontra quotidianamente con il carattere forte dell'Ora, il vento che agita puntuale le acque della riva Nord del lago di Garda. Vela è nata per colloquiare, tessere un racconto unico con l'ambiente circostante, creando una maggiore connessione con il contesto. Il suono lieve e ripetuto degli stralli delle barche nel porto è un elemento inscindibile del luogo: con questa seduta si cerca di rendere intima quell'atmosfera al fruitore che, nell’atto stesso di sedersi, aiuta a partecipare ad essa. Vela si rende vero e proprio strumento musicale, unendo in sé le tre caratteristiche che lo qualificano, ovvero gesto, mezzo e suono».

Marco Salvaterra, classe 1983, si è laureato cum laude in Design alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano NABA, dopo un triennio in Scienze della Comunicazione alla IULM di Milano. Ha collaborato come designer per un anno e mezzo con due studi di disegno industriale. Grazie alla sua curiosità e al suo costante impegno, è occupato in attività diversificate ma complementari, tutte riguardanti il mondo del design.

 

 

Riva del Garda, 12 luglio 2012
Uff.stampa