Home
 
Progetto: Sguardi aperti
La lista di Candido | I lavoratori della Collotta & Cis di Molina di Ledro tra magnesia, amianto e lavoro
Un libro e una mostra al MAG
MAG Riva del Garda, Museo
Fino al 8 luglio 2018
+3

La ex fabbrica Collotta & Cis, ph Circolo Fotoamatori Valle di Ledro

Venerdì 18 maggio alle 18.00 al Museo di Riva del Garda avranno luogo l'inaugurazione della mostra e la presentazione del libro La lista di Candido. I lavoratori della Collotta & Cis di Molina di Ledro tra magnesia, amianto e lavoro.
Domenica 20 maggio sono previste invece due visite guidate gratuite alla mostra, alle 14.00 e alle 16.00, in occasione dell'iniziativa Palazzi Aperti.

La lista di Candido. I lavoratori della Collotta & Cis di Molina di Ledro tra magnesia, amianto e lavoro è frutto di una ricerca storica, socio-economica e sanitaria realizzata nel corso degli ultimi due anni dall'associazione Araba Fenice in collaborazione con il medico Giuseppe Parolari (grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto), da cui è nato un volume di oltre duecento pagine edito dal MAG che ripercorre la storia della fabbrica Collotta Cis & Figli di Molina di Ledro, attiva tra il 1900 e il 1979, e di tutto ciò che riguarda “l’epopea della magnesia” in valle di Ledro.
Data la preziosa quantità di materiali raccolti nel corso della ricerca e la disponibilità di una rilevante documentazione fotografica sia storica che contemporanea, si è voluto rendere conto di questo importante spaccato di storia industriale e umana anche attraverso una mostra, nella quale verrà esposta una parte significativa di materiali documentali e fotografici, di video interviste e reperti raccolti, affiancati da un percorso fotografico contemporaneo realizzato dal Circolo Fotoamatori Valle di Ledro e curato da Luca Chistè. La mostra rimarrà visitabile al Museo di Riva del Garda fino all'8 luglio 2018.

Il volume, curato da Alessandro Fedrigotti, Alessandro Riccadonna e Donato Riccadonna, racchiude una parte di storia dell’industria e narra le condizioni dei lavoratori in Trentino a partire dalla fine dell’Ottocento fino ai nostri giorni.
Pur se incentrato sulla cronaca della vita di una sola fabbrica, la Collotta Cis & Figli di Molina di Ledro, avviata nel 1900 e chiusa nel 1979, può essere letto come un “libro-documento” da cui emergono le origini del territorio trentino, il quale fino agli anni ’60 presentava i tratti di un’area economicamente depressa e un conseguente alto tasso di emigrazione.
La storia della Collotta Cis & Figli si aggiunge pertanto come il tassello mancante alle storie già raccontate delle grandi fabbriche che trasformarono irreversibilmente le condizioni socio-economiche del Novecento Trentino e non solo: un tassello che rivela molti tratti comuni agli altri tasselli che costituirono l'imponente mosaico dell'espansione industriale, in quanto narra di una storia e di un'epopea umana così simili nel passaggio dalla povertà al boom economico, nel mutamento di una società da emigrante a stanziale, da contadina a industriale, fino a ricordare la comunanza più drammatica, quella che consisteva nel barattare la salute e la vita con la possibilità di un lavoro.