Home
 
Esposizione della collezione “Arte del fanciullo. 1947-1970”
La raccolta del maestro Mario Matteotti
MAG Riva del Garda, Museo
Fino al 7 gennaio 2018
+


In occasione della pubblicazione del nuovo progetto editoriale del MAG Collezione Arte del fanciullo. 1947-1970, nel pomeriggio di sabato 21 ottobre verrà esposta al Museo di Riva del Garda una selezione di disegni e dipinti realizzati dagli alunni della scuola elementare di Riva, raccolti tra gli anni Cinquanta e Sessanta dal maestro Mario Matteotti e donati in seguito al Museo.
Alle 16.30 sarà presentato il volume – curato da Monia Di Mauro – e contestualmente si potranno ammirare le opere realizzate dai bambini di allora, che rimarranno esposte fino alla chiusura del 5 novembre e durante le giornate di apertura di dicembre e gennaio.

Dalle ore 15.00 di sabato 21 ottobre si potrà inoltre accedere al Museo a ingresso ridotto, per il primo dei tre Incontri d’autunno che accompagneranno verso la consueta chiusura stagionale prevista per il 5 novembre, organizzati in collaborazione con il consorzio RivainCentro. Nel corso del pomeriggio gli spazi della Rocca saranno animati dalla musica dal vivo di Nick e Julio e a visitatori e visitatrici verrà offerta una castagnata.
Il sabato successivo, 28 ottobre, si terrà il concerto del coro polifonico di Castelnuovo Cantoria Sine Nomine, mentre domenica 5 novembre avrà luogo l’ormai tradizionale Goodbye Party!, con visite guidate, attività per bambini/e e musica dal vivo.


Collezione Arte del fanciullo. 1947-1970
A cura di Monia Di Mauro, MAG, 2017

Con il volume Collezione Arte del fanciullo. 1947-1970, il MAG ha voluto ripercorrere una delle esperienze didattiche più significative del passato del Museo Civico di Riva (oggi Museo Alto Garda), che tra gli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento espose e si occupò di conservare la collezione Arte del Fanciullo, costruita nel tempo grazie alla lungimirante visione del maestro Mario Matteotti e frutto della mirabile produzione di dipinti, disegni, mosaici, manufatti dei suoi alunni, incoraggiati durante le lezioni dallo stesso insegnante a esprimersi attraverso il linguaggio creativo e gli strumenti dell’arte.
Maestro elementare, politico, artista socio fondatore del Gruppo Amici dell’Arte e della Casa degli Artisti di Tenno e membro attivo del comitato del Museo Civico, nell’ambito del quale si dedicò a valorizzarne il ruolo di collettore di storia e memoria del territorio e di promotore culturale attraverso mostre e attività, Mario Matteotti fu protagonista della vita sociale, politica e culturale di Riva del Garda per decenni, a partire dal dopoguerra, offrendo un contributo significativo allo sviluppo, all’evoluzione e all’affermazione del Museo Civico quale polo culturale di riferimento dell’intera cittadinanza.
In qualità di maestro, guardando al Museo come un luogo che i bambini avessero il diritto e il piacere di abitare e contribuire ad accrescere, mantenne un legame speciale tra l’esperienza scolastica e quella museale, non solo attraverso le visite esperienziali alla “Rocca” insieme ai bambini, ma anche con la realizzazione in loco di esposizioni dei loro lavori, fino al deposito presso il Museo delle opere realizzate dagli alunni nel corso dei decenni.